Tiresia

800px-Johann_Heinrich_Füssli_063

Quando ero molto giovane portavo  le pecore al pascolo sul monte Citerone e in un noioso pomeriggio d’estate, mi imbattei in due serpenti che si accoppiavano.

Ero solo un ragazzo.

Ero solo uno sciocco.

Li separai con un bastone, e la femmina rimase uccisa.

Erano uniti. Ed io li ho divisi.

 

Immediatamente il mio corpo assunse le sembianze di una donna.

Rimasi una donna per sette anni, sperimentando tutti i possibili piaceri che, da donna, si possano provare.

Ma un giorno, tra le rocce, mi capitò di rivedere la medesima scena: due serpenti intenti ad accoppiarsi.

Pensai che se avessi ripetuto gli stessi identici gesti di quel noioso pomeriggio di sette anni addietro, forse sarei ritornato quello di prima.

E difatti, dopo averli divisi, riacquistai le mie originarie sembianze maschili.

Sono stato un uomo. E sono stato una donna.

 

Quando Zeus ed Era, disinibiti dalla dolce ambrosia, intrapresero una discussione su chi, tra maschio e femmina, provasse più piacere, non riuscendo ad accordarsi, decisero di interpellarmi.

“L’uomo gode soltanto una decima parte. Le altre le completa la donna, godendo, quando è innamorata, con tutta quanta l’anima”, questa fu la mia risposta.

Ed ero sincero.

La dea si adirò moltissimo. Avrebbe voluto essere la sola a conoscere quel segreto.

Per questo, furibonda, mi rese cieco.

Avevo la luce negli occhi. Piombai nel buio più profondo.

 

Zeus, impietositosi, per ricompensarmi del danno subito, mi concesse la facoltà di diventare un indovino, l’interprete fedele degli dei.

Ero un vedente che non vede. Sono un vecchio cieco che prevede.

 

© RitaLopez

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...