Per niente al mondo

Cibo-tazza-di-latte-ruscello-Bianco

La tazza di latte, ogni mattina, anche se a me non piaceva.

E poi quella terribile pellicina sottile che si formava sulla superficie e che mi procurava una serie irrefrenabile di conati di vomito.

Era impossibile farti capire che a me il latte, soprattutto caldo, mi faceva schifo.

Eppure questa situazione, quella della tazza fumante di ogni santissima mattina, la trovavo paradossale e divertente allo stesso tempo.

Una sensazione di disgusto totale solo alla vista del liquido bianco che avrei dovuto ingurgitare ma, ti giuro, trovavo divertente la tua ostinazione, il fatto che per te non c’era, non poteva esserci, un altro modo di fare colazione.

Ed in fondo io quello volevo. L’incredibile e rassicurante sensazione di trovare ogni mattina, sul tavolo della cucina, quella roba là che io, inevitabilmente, non avrei bevuto neanche se costretta da un plotone di esecuzione.

Ma come facevo a spiegarti che a me andava bene così?

Mi gridavi per le scale, mentre scendevo i gradini a due, a tre alla volta: “E nudd mangj?!?” (non mangi niente?).

Ed io,  che già ero pronta a balzare per strada, ti rispondevo: “Non ho fameeee!!!”

Ma come, come facevo a spiegarti che, in fondo, io quello volevo?

Come facevo a spiegarti che non avrei scambiato le mie colazioni e le mie tazze di latte con relativa disgustosa patina in superficie, con niente altro al mondo?

E da nessuna altra parte del mondo avrei voluto trovarmi, se non in quella vecchia cucina, fredda come un frigorifero, con gli occhi di Cristo che dalla parete mi fissavano quasi imploranti … (tanto non lo bevo il latte!!!).

Per niente al mondo avrei rinunciato alle lattine di CocaCola usate come salvadanai, ben nascoste negli stipiti della credenza, in fondo a tutte le pentole di alluminio.

E con niente altro al mondo avrei scambiato le mie calze rammendate cento volte, che mi procuravano un fastidio enorme, là dentro le scarpe vecchie.

Ti giuro, mai mi è mancato qualcosa.

Né la colazione della mattina, né la paga settimanale, né le settimane bianche, né il corso di danza o di nuoto o di pianoforte, né i vestiti nuovi… Niente di niente.

Come facevo, come faccio a spiegarti che non ne ho mai sentito la mancanza?

Non mi è mancato nulla. Ti giuro. Mai.

© RitaLopez

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...