Una lettera

immigrati_adnkronos

 

“Marito mè, e mò so quasi 3 anni che si sciuto a fatigà alla Germania.

E mò so quasi 3 anni che io sto ccà da sola.

E ti vulia solo dici che nun è stato facile manco pe mè.

Che la vita nun è dura solo pe chi parte, solo pe chi è luntano, ma pure pe chi resta.

All’inizio mi sentia cchiù forte, ma poi, mesi dopo mesi dopo mesi dopo mesi quella forza se n’è scivulata via.

E c’era la vacca c’ ha figliato la notte. Ma tu nun c’eri.  E per fortuna che c’era Bastiano che m’è venuto ad aiutari.

E poi in inverno da sola a spaccare la legna. Ma tu nun c’eri.  E nun finivo manco pe Natale se Bastiano non veniva lui.

E quanno c’è stata la bufera c’ha scassato gli stipiti della finestra, manco allora c’eri. E io mi sarei morta dal freddo se Bastiano nun veniva ad aggiustare tutto quanto.

Io, marito mè, nun aggiu studiato, ma na cosa l’aggiu capita bbona.

L’ammore nun è na cosa accussì, tanto pe dice.

L’ammore si vive, si suda, si lavora, si bestemmia, pe poi fare baldoria,

si ride e si addanna, si addora e si tucca.

E’ come a na pianta che se nun l’annacqui, secca.

Na notte mi so svegliata all’improvviso.

Nel letto nun c’eri tu, c’era Bastiano.

L’aggiu guardato bbuono e mò, marito mè,  te l’aggia proprio cunfessà….

Io ero contenta che c’era Bastiano.

Anzi,  mò te l’aggia proprio dici: io manco me ne piglio scuorno….”

Concetta sollevò la testa dalla lettera che stava scrivendo.

Guardò fuori dalla finestra. C’era la nebbia . La nebbia che nasconde, che cela, che attutisce.

Era l’alba. E bisognava mungere la vacca.

Sospirò. Prese il foglio di carta, lo stropicciò e lo gettò nel fuoco.

La fiamma avvampò improvvisa, per poi riabbassarsi dolcemente nella brace.

(©) RitaLopez

 

 

Annunci

4 comments

  1. Interessante sarebbe conoscere il seguito. Forse perché mi chiamo come la protagonista, forse perché questo messaggio agli uomini vale per ogni epoca…

    Mi piace

    1. Il seguito Concetta, non lo so neanche io…..Ma forse la storia, nel suo finale, fa presagire la mancanza di coraggio, la volontà di nascondere tutto e fare finta di niente…..”La nebbia nasconde, cela e attutisce”. Un abbraccio.

      Liked by 1 persona

      1. Un abbraccio anche a te, ma non chiamarmi Concetta, ti prego! (solo Cetta) 😀 Però non so, forse il primo impulso è nascondere, ma poi, alla fine, una donna il coraggio di svelare lo trova…

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...