Ti riconoscerei sempre

c8c68d68a563320220e5bcdf336b2c6a

 

 

 

 

Si svegliò presto come ogni giorno, in un’alba appiccicosa, per andare al lavoro.

La finestra era aperta e dalle persiane socchiuse entrava una parvenza di aria fresca.

Era il momento più bello.

La casa piena di silenzio, nella luce azzurrina del giorno, prima che arrivasse il sole.

E nel momento più bello, ogni volta, doveva andare via.

Si infilò i pantaloni e la camicia e prima di uscire dalla camera da letto posò lo sguardo su lei che ancora dormiva.

Si fermò a guardarla sulla soglia.

“Ti riconoscerei sempre” pensò.

Ovunque l’avrebbe riconosciuta. Lo so.

In mezzo a migliaia di occhi sperduti avrebbe riconosciuto i suoi occhi striati di verde e marrone e i suoi capelli con tutti i colori della terra.

In mezzo a migliaia di passi silenziosi avrebbe riconosciuto i suoi passi discreti.

In mezzo a migliaia di voci avrebbe riconosciuto persino un suo sussurro, un suo respiro.

Il suo tocco leggero come quello del vento caldo dell’estate sulle braccia.

Era il momento più bello, e doveva andare via.

Richiuse piano la porta di casa alle spalle per non svegliarla.

Uscì.

E non tornò più.

© RitaLopez

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...