Barche nel porto e birra sul muretto a secco

 

10300086_752496654800726_6104585042328134663_n

 

 

 

A volte penso alle barche che si cullano stanche nel porto vecchio
alle mani nere dei pescatori che riparano le reti
ai cesti colmi di ricci di mare
le birre poggiate sul muretto a secco
le carte da gioco sbattute sul tavolo e le risate sguaiate e
mi dico: è da lì che vengo.
E le grandi abbuffate della domenica,
la Madonna Addolorata con il suo mantello psichedelico
le bestemmie sussurrate per non ferire
le calze di nonna tenute su con l’elastico giallo
il sole a picco su una città devastata ed io,
io è da lì che vengo.
E poi ancora i mea culpa, mea culpa, mea grandissima culpa
la disperazione che ti lascia senza fiato
i “ce l’hai 5.000 lire?” e i “no, non ne ho” di ogni santissima volta
la minestra scaldata del giorno dopo e del giorno dopo appresso
quelli della mia famiglia che quando ridono è di nuovo la speranza,
è di nuovo estate.
E io è da lì che vengo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...