Sul vecchio molo

Immagine

“No. Non è che non mi piaci. E’ che IO mi sento INADEGUATA.
E’ da sempre che lo sono. Da bambina. INADEGUATA.
In ogni situazione. Con ogni persona. In ogni contesto.
Per non parlare di quelli che mi piacciono.
Per non parlare di TE, che mi piaci più di tutti”.
Quando lo incontravo per strada un ridicolo senso di agitazione iniziava a torturarmi e se avessi avuto la capacità di sdoppiarmi, mi sarei presa a schiaffi in faccia.
Facevo finta di accorgermi appena di lui e lo salutavo distrattamente, ma dentro avevo le palpitazioni a mille.
E lui distrattamente ricambiava il saluto.
E poi un giorno l’ho incontrato all’uscita di scuola, della mia scuola sul mare.
Di nuovo l’agitazione, di nuovo le palpitazioni (E CHE PALLE!!), di nuovo mi sarei presa a ceffoni in faccia.
Ma lui sorrideva. Mi sono girata un attimo, giusto per capire se ci fosse qualche bomba sexy dietro di me.
No. nessuna bomba sexy.
Il Maschio sorrideva a Me.
Il Maschio si era fermato e stava parlando. A Me.
Sorrideva e parlava. A Me.
Okay. Ci siamo ritrovati sul vecchio molo, seduti proprio in faccia agli scogli, le ginocchia penzoloni.
A parlare. A ridere. A fumare. A scrutarci con gli occhi fin dentro l’anima.
Non so quanti attimi o secoli siamo rimasti lì.
Io, lui, il vecchio molo e il mare di fronte.
Bari vecchia e San Nicola in lontananza potevano anche sprofondare in acqua.
Giù negli abissi profondi del mare.
Io non me ne sarei accorta.

(© R.L. )

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...